Questo delicato brano pare scritto apposta per la dolcezza di Susanna Pepe, che accompagnata dalla sua orchestra riesce a rendere all'ascoltatore le emozioni che gli autori del testo e della musica volevano donargli.

La buona musica di Antonio Altieri e Arnaldo Lomolino si sposa perfettamente con il testo di De Bona, che parla di una bella storia d'amore che sembra rinascere dalle sue ceneri come una Fenice, ma che in realtà non era forse mai finita. Così, come una Fenice in volo, il canto di Susanna Pepe si estende su un'armoniosa melodia come i tenui colori della tavolozza di un magico pittore si estendono sulla tela dell'anima, coinvolgendo l'ascoltatore in un turbine di emozioni. Chi non ha mai vissuto un amore come quello cantato da Susanna Pepe, o chi non ha mai sognato di viverlo? Ebbene, questo brano ci dà l'occasione di ricordare i nostri amori vissuti, quelli sognati, e quelli che ancora devono arrivare, perché non importa quanto tempo è passato, l'amore si misura con il suo tempo e non con il nostro. Non perdete l'occasione di ascoltare un'orchestra che porta le sue note in tutta Italia, l'Orchestra Susanna Pepe, in questa vera esplosione d'amore.